Archivi tag: preghiera

Bassoriliveo chiesa Parrocchiale

Mese di Maggio

In questo particolare mese di Maggio Papa Francesco ha proposto di vivere una maratona di preghiera per invocare la fine della pandemia e la ripresa del lavoro. Trenta santuari rappresentativi, sparsi in tutto il mondo, guideranno la preghiera mariana, che verrà trasmessa in diretta sui canali ufficiali della Santa Sede alle ore 18 ogni giorno. Qui puoi seguire le trasmissioni: www.vaticannews.it ; Qui l’articolo con tutte le informazioni. https://www.avvenire.it/papa/pagine/il-1-maggio-il-papa-da-inizio-a-un-mese-di-rosario-dai-santuari-per-guarire-pandemia

Durante questo mese, portando nel cuore le intenzioni del Papa, pregheremo il rosario in forma comunitaria in questo modo:

A Bosco ci troveremo in chiesa parrocchiale ogni lunedìmartedìmercoledì e venerdì sera, per questa settimana alle 20.00. invitiamo in particolare i nostri bambini e ragazzi.

A Valdiporro proponiamo di trovarci intorno ai nostri capitelli, sempre osservando le norme vigenti (distanziamento e mascherina).Non ci sarà un incaricato della parrocchia a guidare il rosario, la preghiera è affidata alle persone che si radunano. Gli appuntamenti di questa settimana: Mercoledì 5 maggio, Capitello in contrada Mandria; Venerdì 7 maggio, Capitello di contrada Pezzo (Madonna di Lourdes) sempre alle 20.30

Buon mese di Maggio!!

0-1

Canti Pasquali

Le regole sanitarie per il contrasto della pandemia ci chiedono tra le altre cose di non utilizzare i libretti dei canti. Abbiamo pensato allora di servirci degli strumenti digitali. Allegato qui sotto si trova un file in formato pdf che contiene quasi tutti i canti che proporremo nelle celebrazioni pasquali. Inquadrando il codice QR riportato su i cartelli affissi in chiesa, si viene rimandati allo stesso file. Raccomandiamo tutti di scaricare il file. durante le celebrazioni, possiamo mettere i nostri smartphone in modalità “aereo”, diventeranno così strumenti per partecipare alla celebrazione anche con il canto.

Clicca qui: Canti Pasquali

San GIuseppe Bosco - Vicino

Novena a San Giuseppe

Novena a San Giuseppe

Con le parole della lettera apostolica “Patris Corde” Del Santo Padre Francesco

puoi scaricar il testo completo in pdf cliccando qui: Novena a San Giuseppe 

oppure puoi scaricare i singoli giorni qui:  01 – Novena a San Giuseppe – primo giorno  –  02 – Novena a San Giuseppe – secondo giorno  –  03 – Novena a San Giuseppe – terzo giorno  –  04 – Novena a San Giuseppe – quarto giorno  –  05 – Novena a San Giuseppe – Quinto giorno  –  06 – Novena a San Giuseppe – sesto giorno  –  07 – Novena a San Giuseppe – settimo giorno  –  08 – Novena a San Giuseppe – ottavo giorno  –  09 – Novena a San Giuseppe – nono giorno

 

Nell’anno che Papa Francesco ha dedicato a San Giuseppe, una proposta di preghiera per aprire il cuore alla presenza e all’intercessione del custode della Santa Famiglia.

sequenza-allo-spirito

Segno di croce – Invocazione allo Spirito Santo (la trovi nell’immagine qui sopra)

Orazione: O Padre, che nella luce dello Spirito Santo guidi i credenti alla conoscenza piena della verità, donaci di gustare nel tuo Spirito la vera sapienza e di godere sempre del suo conforto. Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio che è Dio, e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli.            Amen.

A questo punto si aggiunge la preghiera indicata per ogni giorno (di seguito). 

Poi, per concludere:

Rinnoviamo la nostra fede: 

 Io credo in Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra

e in Gesù Cristo, Suo unico Figlio, nostro Signore,

il quale fu concepito da Spirito Santo, nacque da Maria Vergine,

patì sotto Ponzio Pilato, fu crocifisso, morì e fu sepolto; discese agli inferi;

il terzo giorno risuscitò da morte;

salì al cielo, siede alla destra di Dio, Padre onnipotente:

di là verrà a giudicare i vivi e i morti.

Credo nello Spirito Santo,

la santa Chiesa cattolica,

la comunione dei santi

la remissione dei peccati,

la risurrezione della carne,

la vita eterna. Amen.»

 

Padre nostro

 San GIuseppe Bosco - Primo piano

Preghiera a San Giuseppe 

(Dalla lettera apostolica “Patris Corde”)

 

Salve, custode del Redentore,

e sposo della Vergine Maria.

A te Dio affidò il suo Figlio;

in te Maria ripose la sua fiducia;

con te Cristo diventò uomo.

 

O Beato Giuseppe, mostrati padre anche per noi,

e guidaci nel cammino della vita.

Ottienici grazia, misericordia e coraggio,

e difendici da ogni male. Amen.

 

Conclusione:

 

Facendo il segno della croce si invoca la benedizione con queste parole:

 

Il Signore ci benedica,

ci preservi da ogni male

e ci conduca alla vita eterna,                         amen.

 

 

Primo giorno – 10 marzo

Giuseppe, uomo del silenzio e del quotidiano

 

Dalla lettera apostolica “Patris Corde”

 

durante questi mesi di pandemia possiamo sperimentare, in mezzo alla crisi che ci sta colpendo, che «le nostre vite sono tessute e sostenute da persone comuni – solitamente dimenticate – che non compaiono nei titoli dei giornali e delle riviste né nelle grandi passerelle dell’ultimo show ma, senza dubbio, stanno scrivendo oggi gli avvenimenti decisivi della nostra storia: medici, infermiere e infermieri, addetti dei supermercati, addetti alle pulizie, badanti, trasportatori, forze dell’ordine, volontari, sacerdoti, religiose e tanti ma tanti altri che hanno compreso che nessuno si salva da solo. Quanta gente esercita ogni giorno pazienza e infonde speranza, avendo cura di non seminare panico ma corresponsabilità. Quanti padri, madri, nonni e nonne, insegnanti mostrano ai nostri bambini, con gesti piccoli e quotidiani, come affrontare e attraversare una crisi riadattando abitudini, alzando gli sguardi e stimolando la preghiera. Quante persone pregano, offrono e intercedono per il bene di tutti». Tutti possono trovare in San Giuseppe, l’uomo che passa inosservato, l’uomo della presenza quotidiana, discreta e nascosta, un intercessore, un sostegno e una guida nei momenti di difficoltà. San Giuseppe ci ricorda che tutti coloro che stanno apparentemente nascosti o in “seconda linea” hanno un protagonismo senza pari nella storia della salvezza. A tutti loro va una parola di riconoscimento e di gratitudine.

 

 

secondo giorno – 11 marzo

Giuseppe, padre amato

 

Dalla lettera apostolica “Patris Corde”

 

La grandezza di San Giuseppe consiste nel fatto che egli fu lo sposo di Maria e il padre di Gesù. In quanto tale, «si pose al servizio dell’intero disegno salvifico», come afferma San Giovanni Crisostomo. San Paolo VI osserva che la sua paternità si è espressa concretamente «nell’aver fatto della sua vita un servizio, un sacrificio, al mistero dell’incarnazione e alla missione redentrice che vi è congiunta; nell’aver usato dell’autorità legale, che a lui spettava sulla sacra Famiglia, per farle totale dono di sé, della sua vita, del suo lavoro; nell’aver convertito la sua umana vocazione all’amore domestico nella sovrumana oblazione di sé, del suo cuore e di ogni capacità, nell’amore posto a servizio del Messia germinato nella sua casa».[8] Per questo suo ruolo nella storia della salvezza, San Giuseppe è un padre che è stato sempre amato dal popolo cristiano

 

terzo giorno – 12 marzo

Giuseppe, padre della tenerezza

 

Dalla lettera apostolica “Patris Corde”

 

Giuseppe vide crescere Gesù giorno dopo giorno «in sapienza, età e grazia davanti a Dio e agli uomini» (Lc 2,52). Come il Signore fece con Israele, così egli “gli ha insegnato a camminare, tenendolo per mano: era per lui come il padre che solleva un bimbo alla sua guancia, si chinava su di lui per dargli da mangiare” (cfr Os 11,3-4).

Gesù ha visto la tenerezza di Dio in Giuseppe: «Come è tenero un padre verso i figli, così il Signore è tenero verso quelli che lo temono» (Sal 103,13).

 

Troppe volte pensiamo che Dio faccia affidamento solo sulla parte buona e vincente di noi, mentre in realtà la maggior parte dei suoi disegni si realizza attraverso e nonostante la nostra debolezza.

 

Il Maligno ci fa guardare con giudizio negativo la nostra fragilità, lo Spirito invece la porta alla luce con tenerezza. È la tenerezza la maniera migliore per toccare ciò che è fragile in noi. Il dito puntato e il giudizio che usiamo nei confronti degli altri molto spesso sono segno dell’incapacità di accogliere dentro di noi la nostra stessa debolezza, la nostra stessa fragilità. Solo la tenerezza ci salverà dall’opera dell’Accusatore (cfr Ap 12,10). Per questo è importante incontrare la Misericordia di Dio, specie nel Sacramento della Riconciliazione, facendo un’esperienza di verità e tenerezza. Paradossalmente anche il Maligno può dirci la verità, ma, se lo fa, è per condannarci. Noi sappiamo però che la Verità che viene da Dio non ci condanna, ma ci accoglie, ci abbraccia, ci sostiene, ci perdona. La Verità si presenta a noi sempre come il Padre misericordioso della parabola (cfr Lc 15,11-32): ci viene incontro, ci ridona la dignità, ci rimette in piedi, fa festa per noi, con la motivazione che «questo mio figlio era morto ed è tornato in vita, era perduto ed è stato ritrovato» (v. 24).

 

Quarto giorno – 13 marzo

Giuseppe, padre nell’obbedienza

 

Dalla lettera apostolica “Patris Corde”

 

Analogamente a ciò che Dio ha fatto con Maria, quando le ha manifestato il suo piano di salvezza, così anche a Giuseppe ha rivelato i suoi disegni; e lo ha fatto tramite i sogni, che nella Bibbia, come presso tutti i popoli antichi, venivano considerati come uno dei mezzi con i quali Dio manifesta la sua volontà.[13]

Giuseppe è fortemente angustiato davanti all’incomprensibile gravidanza di Maria: non vuole «accusarla pubblicamente»,[14] ma decide di «ripudiarla in segreto» (Mt 1,19). Nel primo sogno l’angelo lo aiuta a risolvere il suo grave dilemma: «Non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti, il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati» (Mt 1,20-21). La sua risposta fu immediata: «Quando si destò dal sonno, fece come gli aveva ordinato l’angelo» (Mt 1,24). Con l’obbedienza egli superò il suo dramma e salvò Maria.

 

In ogni circostanza della sua vita, Giuseppe seppe pronunciare il suo “fiat”, come Maria nell’Annunciazione e Gesù nel Getsemani.

Giuseppe, nel suo ruolo di capo famiglia, insegnò a Gesù ad essere sottomesso ai genitori (cfr Lc 2,51), secondo il comandamento di Dio (cfr Es 20,12).

Nel nascondimento di Nazaret, alla scuola di Giuseppe, Gesù imparò a fare la volontà del Padre. Tale volontà divenne suo cibo quotidiano (cfr Gv 4,34). Anche nel momento più difficile della sua vita, vissuto nel Getsemani, preferì fare la volontà del Padre e non la propria[16] e si fece «obbediente fino alla morte […] di croce» (Fil 2,8). Per questo, l’autore della Lettera agli Ebrei conclude che Gesù «imparò l’obbedienza da ciò che patì» (5,8).

 

Quinto giorno – 14 marzo

Giuseppe, padre nell’accoglienza

 

Dalla lettera apostolica “Patris Corde”

 

Giuseppe accoglie Maria senza mettere condizioni preventive. Si fida delle parole dell’Angelo. «La nobiltà del suo cuore gli fa subordinare alla carità quanto ha imparato per legge; e oggi, in questo mondo nel quale la violenza psicologica, verbale e fisica sulla donna è evidente, Giuseppe si presenta come figura di uomo rispettoso, delicato che, pur non possedendo tutte le informazioni, si decide per la reputazione, la dignità e la vita di Maria. E nel suo dubbio su come agire nel modo migliore, Dio lo ha aiutato a scegliere illuminando il suo giudizio».[18]

Tante volte, nella nostra vita, accadono avvenimenti di cui non comprendiamo il significato. La nostra prima reazione è spesso di delusione e ribellione. Giuseppe lascia da parte i suoi ragionamenti per fare spazio a ciò che accade e, per quanto possa apparire ai suoi occhi misterioso, egli lo accoglie, se ne assume la responsabilità e si riconcilia con la propria storia. Se non ci riconciliamo con la nostra storia, non riusciremo nemmeno a fare un passo successivo, perché rimarremo sempre in ostaggio delle nostre aspettative e delle conseguenti delusioni.

 

 

 

Sesto giorno – 15 marzo

Giuseppe, padre dal coraggio creativo

 

Dalla lettera apostolica “Patris Corde”

 

Molte volte, leggendo i “Vangeli dell’infanzia”, ci viene da domandarci perché Dio non sia intervenuto in maniera diretta e chiara. Ma Dio interviene per mezzo di eventi e persone. Giuseppe è l’uomo mediante il quale Dio si prende cura degli inizi della storia della redenzione. Egli è il vero “miracolo” con cui Dio salva il Bambino e sua madre. Il Cielo interviene fidandosi del coraggio creativo di quest’uomo, che giungendo a Betlemme e non trovando un alloggio dove Maria possa partorire, sistema una stalla e la riassetta, affinché diventi quanto più possibile un luogo accogliente per il Figlio di Dio che viene nel mondo (cfr Lc 2,6-7). Davanti all’incombente pericolo di Erode, che vuole uccidere il Bambino, ancora una volta in sogno Giuseppe viene allertato per difendere il Bambino, e nel cuore della notte organizza la fuga in Egitto (cfr Mt 2,13-14).

A una lettura superficiale di questi racconti, si ha sempre l’impressione che il mondo sia in balia dei forti e dei potenti, ma la “buona notizia” del Vangelo sta nel far vedere come, nonostante la prepotenza e la violenza dei dominatori terreni, Dio trovi sempre il modo per realizzare il suo piano di salvezza. Anche la nostra vita a volte sembra in balia dei poteri forti, ma il Vangelo ci dice che ciò che conta, Dio riesce sempre a salvarlo, a condizione che usiamo lo stesso coraggio creativo del carpentiere di Nazaret, il quale sa trasformare un problema in un’opportunità anteponendo sempre la fiducia nella Provvidenza.

Se certe volte Dio sembra non aiutarci, ciò non significa che ci abbia abbandonati, ma che si fida di noi, di quello che possiamo progettare, inventare, trovare.

 

Settimo giorno – 16 marzo

Giuseppe, padre lavoratore

 

Dalla lettera apostolica “Patris Corde”

 

In questo nostro tempo, nel quale il lavoro sembra essere tornato a rappresentare un’urgente questione sociale e la disoccupazione raggiunge talora livelli impressionanti, anche in quelle nazioni dove per decenni si è vissuto un certo benessere, è necessario, con rinnovata consapevolezza, comprendere il significato del lavoro che dà dignità e di cui il nostro Santo è esemplare patrono.

Il lavoro diventa partecipazione all’opera stessa della salvezza, occasione per affrettare l’avvento del Regno, sviluppare le proprie potenzialità e qualità, mettendole al servizio della società e della comunione; il lavoro diventa occasione di realizzazione non solo per sé stessi, ma soprattutto per quel nucleo originario della società che è la famiglia. Una famiglia dove mancasse il lavoro è maggiormente esposta a difficoltà, tensioni, fratture e perfino alla tentazione disperata e disperante del dissolvimento. Come potremmo parlare della dignità umana senza impegnarci perché tutti e ciascuno abbiano la possibilità di un degno sostentamento?

La persona che lavora, qualunque sia il suo compito, collabora con Dio stesso, diventa un po’ creatore del mondo che ci circonda. La crisi del nostro tempo, che è crisi economica, sociale, culturale e spirituale, può rappresentare per tutti un appello a riscoprire il valore, l’importanza e la necessità del lavoro per dare origine a una nuova “normalità”, in cui nessuno sia escluso. Il lavoro di San Giuseppe ci ricorda che Dio stesso fatto uomo non ha disdegnato di lavorare. La perdita del lavoro che colpisce tanti fratelli e sorelle, e che è aumentata negli ultimi tempi a causa della pandemia di Covid-19, dev’essere un richiamo a rivedere le nostre priorità. Imploriamo San Giuseppe lavoratore perché possiamo trovare strade che ci impegnino a dire: nessun giovane, nessuna persona, nessuna famiglia senza lavoro!

 

Ottavo giorno – 17 marzo

Giuseppe, padre nell’ombra

 

Dalla lettera apostolica “Patris Corde”

 

Essere padri significa introdurre il figlio all’esperienza della vita, alla realtà. Non trattenerlo, non imprigionarlo, non possederlo, ma renderlo capace di scelte, di libertà, di partenze. Forse per questo, accanto all’appellativo di padre, a Giuseppe la tradizione ha messo anche quello di “castissimo”. Non è un’indicazione meramente affettiva, ma la sintesi di un atteggiamento che esprime il contrario del possesso. La castità è la libertà dal possesso in tutti gli ambiti della vita. Solo quando un amore è casto, è veramente amore. L’amore che vuole possedere, alla fine diventa sempre pericoloso, imprigiona, soffoca, rende infelici. Dio stesso ha amato l’uomo con amore casto, lasciandolo libero anche di sbagliare e di mettersi contro di Lui. La logica dell’amore è sempre una logica di libertà, e Giuseppe ha saputo amare in maniera straordinariamente libera. Non ha mai messo sé stesso al centro. Ha saputo decentrarsi, mettere al centro della sua vita Maria e Gesù.

La felicità di Giuseppe non è nella logica del sacrificio di sé, ma del dono di sé. Non si percepisce mai in quest’uomo frustrazione, ma solo fiducia. Il suo persistente silenzio non contempla lamentele ma sempre gesti concreti di fiducia. Il mondo ha bisogno di padri, rifiuta i padroni, rifiuta cioè chi vuole usare il possesso dell’altro per riempire il proprio vuoto; rifiuta coloro che confondono autorità con autoritarismo, servizio con servilismo, confronto con oppressione, carità con assistenzialismo, forza con distruzione. Ogni vera vocazione nasce dal dono di sé, che è la maturazione del semplice sacrificio. Anche nel sacerdozio e nella vita consacrata viene chiesto questo tipo di maturità. Lì dove una vocazione, matrimoniale, celibataria o verginale, non giunge alla maturazione del dono di sé fermandosi solo alla logica del sacrificio, allora invece di farsi segno della bellezza e della gioia dell’amore rischia di esprimere infelicità, tristezza e frustrazione.

La paternità che rinuncia alla tentazione di vivere la vita dei figli spalanca sempre spazi all’inedito. Ogni figlio porta sempre con sé un mistero, un inedito che può essere rivelato solo con l’aiuto di un padre che rispetta la sua libertà. Un padre consapevole di completare la propria azione educativa e di vivere pienamente la paternità solo quando si è reso “inutile”, quando vede che il figlio diventa autonomo e cammina da solo sui sentieri della vita, quando si pone nella situazione di Giuseppe, il quale ha sempre saputo che quel Bambino non era suo, ma era stato semplicemente affidato alle sue cure. In fondo, è ciò che lascia intendere Gesù quando dice: «Non chiamate “padre” nessuno di voi sulla terra, perché uno solo è il Padre vostro, quello celeste» (Mt 23,9).

Tutte le volte che ci troviamo nella condizione di esercitare la paternità, dobbiamo sempre ricordare che non è mai esercizio di possesso, ma “segno” che rinvia a una paternità più alta. In un certo senso, siamo tutti sempre nella condizione di Giuseppe: ombra dell’unico Padre celeste, che «fa sorgere il sole sui cattivi e sui buoni, e fa piovere sui giusti e sugli ingiusti» (Mt 5,45); e ombra che segue il Figlio.

 

Nono giorno – 18 marzo

Giuseppe, patrono della chiesa

 

Dalla lettera apostolica “Patris Corde”

 

Dobbiamo sempre domandarci se stiamo proteggendo con tutte le nostre forze Gesù e Maria, che misteriosamente sono affidati alla nostra responsabilità, alla nostra cura, alla nostra custodia. Il Figlio dell’Onnipotente viene nel mondo assumendo una condizione di grande debolezza. Si fa bisognoso di Giuseppe per essere difeso, protetto, accudito, cresciuto. Dio si fida di quest’uomo, così come fa Maria, che in Giuseppe trova colui che non solo vuole salvarle la vita, ma che provvederà sempre a lei e al Bambino. In questo senso San Giuseppe non può non essere il Custode della Chiesa, perché la Chiesa è il prolungamento del Corpo di Cristo nella storia, e nello stesso tempo nella maternità della Chiesa è adombrata la maternità di Maria.[23] Giuseppe, continuando a proteggere la Chiesa, continua a proteggere il Bambino e sua madre, e anche noi amando la Chiesa continuiamo ad amare il Bambino e sua madre.

Questo Bambino è Colui che dirà: «Tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me» (Mt25,40). Così ogni bisognoso, ogni povero, ogni sofferente, ogni moribondo, ogni forestiero, ogni carcerato, ogni malato sono “il Bambino” che Giuseppe continua a custodire. Ecco perché San Giuseppe è invocato come protettore dei miseri, dei bisognosi, degli esuli, degli afflitti, dei poveri, dei moribondi. Ed ecco perché la Chiesa non può non amare innanzitutto gli ultimi, perché Gesù ha posto in essi una preferenza, una sua personale identificazione. Da Giuseppe dobbiamo imparare la medesima cura e responsabilità: amare il Bambino e sua madre; amare i Sacramenti e la carità; amare la Chiesa e i poveri. Ognuna di queste realtà è sempre il Bambino e sua madre.

 

 

 

Unknown-6

Luce di Betlemme

Da secoli una lampada arde accanto al luogo dove si ricorda la nascita del Salvatore. Una fiamma che parla di speranza, che tiene viva la nostra invocazione: “Vieni Signore Gesù, nostra speranza,a portare luce nella nostra vita”.

Ogni anno gli scout accendono una lampada a quella fiamma, e la custodiscono facendola viaggiare per tutta europa. QuesUnknown-5t’anno questo non sarà possibile a causa della pandemia. La fiamma però è stata custodita accesa dall’anno scorso, e quindi ci raggiungerà comunque.

La nostra Diocesi ha scelto per quest’anno di valorizzare questo segno. Nella nostra Unità Pastorale (Bosco, Cerro, Corbiolo, Erbezzo, Lughezzano e Valdiporro) abbiamo scelto di accogliere questo invito.

Sarà a disposizione attraverso whatsapp, telegram, oppure qui: Preghiera in famiglia luce betlemme, il materiale per vivere una piccola preghiera in famiglia, a partire dal 19 dicembre. Ogni giorno invieremo anche un breve video con il commento al vangelo realizzato dai sacerdoti dell’UP. Chi vorrà potrà portarsi a casa questa luce. In chiesa sarà custodita la luce di Betlemme che porteremo accesa da Grezzana, e alcuni ceri, in modo che chi lo desidera possa portarsi a casa questa fiamma, segno di luce e di speranza.

6e849ea5-aac0-41e5-b60f-3c971a617200

Celebrazioni per la settimana santa

Programma delle celebrazioni e delle proposte per la settimana santa

Qui sotto il programma della nostra settimana Santa. Cercheremo di vivere come possibile tutti i i giorni santi, nella preghiera personale e seguendo le liturgie e i momenti di meditazione tramite internet. Durante i giorni del triduo Pasquale non ci saranno le trasmissioni dalla nostra comunità, per dare risalto e valore alle celebrazioni del Vescovo e del Papa, seguendo le quali possiamo sentirci in comunione con i credenti della nostra diocesi e del mondo intero. Il giorno di Pasqua invece celebreremo in streaming dalla chiesa di Bosco alle 18.30, quindi chi desidera potrà seguire questa celebrazione.

in particolare, le celebrazioni delle nostre comunità saranno trasmesse sul consueto canale: https://www.youtube.com/channel/UCaqJ0Bzx2Btv3ChP4mts3Ag?view_as=subscriber

alcune proposte sulla preghiera, sull’incontro con la Parola di Dio, sulla Passione secondo Matteo saranno a disposizione sul canale di don Lucio: https://www.youtube.com/channel/UCf-n723SqPHEuyiW9c1jfxg

le celebrazioni del Papa saranno trasmesse da Tv2000 e probabilmente da molte altre emittenti. Sarà possibile seguirle anche da YouTube sul canale di Vatican media live https://www.youtube.com/user/vaticanit

le celebrazioni del Vescovo di Verona tramite Telepace, con il televisore o tramite internet https://www.youtube.com/channel/UCP49yPZvTPz9PzCozvNzbUA

per quel che riguarda il sacramento della riconciliazione, sono riportati qui sotto alcuni orari nei quali don Lucio sarà a disposizione per la confessione. In questo periodo particolare e difficile, molti potrebbero essere impediti a celebrare il sacramento, o da motivi pratici, o da motivi personali, o da motivi di coscienza…  la conferenza episcopale ha indicato per questo periodo la possibilità di chiedere perdono al Signore nel segreto del cuore, promettendo fermamente di celebrare il sacramento appena sarà possibile.

Di seguito gli orari delle celebrazioni

 

Domenica delle Palme

¨     Ore 11.00 Papa Francesco presiede la celebrazione delle palme nella basilica vaticana

¨     Ore 18.30 il Vescovo presiede la celebrazione delle palme in cattedrale

Lunedì Santo

¨     In Chiesa dalle 10.30 alle 12 e dalle 15 alle 18 don Lucio sarà a disposizione per le confessioni. Il sacramento per chi lo richiede sarà celebrato in sagrestia, rispettando le norme di sicurezza (mascherina e distanza interpersonale).

¨     Ore 18.30 messa feriale in streaming

Martedì Santo

¨     In Chiesa dalle 15 alle 18 don Lucio sarà a disposizione per le confessioni. Il sacramento per chi lo richiede sarà celebrato in sagrestia, rispettando le norme di sicurezza (mascherina e distanza interpersonale).

¨     Ore 18.30 messa feriale in streaming

Mercoledì Santo

¨     In Chiesa dalle 15 alle 18.00 e dalle 20.30 alle 23 don Lucio sarà a disposizione per le confessioni. Il sacramento per chi lo richiede sarà celebrato in sagrestia, rispettando le norme di sicurezza (mascherina e distanza interpersonale).

Giovedì Santo

¨     Ore 18.00 Papa Francesco presiede la messa nella cena del Signore nella basilica vaticana

¨     Ore 19.30 il Vescovo presiede la messa nella cena del Signore in cattedrale

 

Venerdì Santo

¨     Ore 15.00 il Vescovo presiede la commemorazione della passione del Signore in cattedrale

¨     Ore 18.00 Papa Francesco presiede la commemorazione della passione del Signore nella basilica vaticana

¨     Papa 21 Papa Francesco presiede la Via Crucis in piazza San Pietro

 

Sabato Santo

Veglia Pasquale

¨     Ore 19.30 il Vescovo presiede la Veglia Pasquale in cattedrale

¨     21.00 Papa Francesco presiede la Veglia Pasquale nella basilica vaticana

 

Domenica di Pasqua

¨     11.00 Papa Francesco presiede messa del giorno di Pasqua nella basilica vaticana

¨     12.00 Papa Francesco imparte la benedizione “Urbi et orbi” dalla loggia della basilica vaticana

¨     Ore 18.30 il Vescovo presiede la messa del giorno di Pasqua in cattedrale

¨     Ore 18.30 Messa in streaming dalla chiesa di Bosco Chiesanuova (canale YouTube Parrocchia Bosco Chiesanuova)

IMG_3849-03-06-17-10-56

Indicazioni emergenza coronavirus

Comunità cristiane di Bosco Chiesanuova e Valdiporro

 

Cari parrocchiani

Riporto qui alcune indicazioni in riferimento all’ordinanza del governatore della regione che fornisce indicazioni preventive rispetto alla diffusione del virus covid-19 e in esecuzione delle indicazioni che il vicario generale della Diocesi ha concordato con il prefetto di Verona.

  1. Tutte le celebrazioni, messe e momenti di preghiera comunitari, sono sospesi fino a domenica 1 marzo compresaOgni giorno celebrerò la messa da solo, con la preghiera per la comunione spirituale. Chi può e desidera potrà seguire la celebrazione in streaming sul canale di youtube secondo questi orari:

¨    Martedì ore 18.30

¨    Mercoledì ore 20.30 (celebrazione delle ceneri.)

¨    Giovedì ore 18.30. Al termine della messa adorazione eucaristica fino alle 22.00. alle 21.45 compieta e benedizione.

¨    Venerdì ore 18.30

¨    Sabato ore 18.30

¨    Domenica ore 11.00 e 18.30

Il link per collegarsi: https://www.youtube.com/channel/UCaqJ0Bzx2Btv3ChP4mts3Ag oppure digitare “parrocchia bosco chiesa nuova” nella stringa di ricerca di Youtube e selezionare il video con la scritta rossa – in diretta – dal vivo

  1. La diocesi ci invita a suonare le campane alle 18 e a mettere in quell’orario un lume sulla finestra segno della preghiera comune. Il vescovo pregherà il rosario alle 18.30 e celebrerà la messa alle 19 in diretta su telepace. 
  1. La chiesa resta aperta secondo gli orari consueti, perché ciascuno possa pregare. Sarà a disposizione in chiesa un foglietto con una proposta di preghiera.
  1. Seguiamo serenamente le indicazioni che ci vengono date dall’autorità competente, evitiamo eccessi di paura o di contestazione, restiamo uniti nella preghiera e affidiamoci al Signore.

Don Lucio Benedetti

Unknown-1

Novena di Natale

Una proposta di preghiera dal 16 al 24 Dicembre per preparare il cuore alla venuta del Salvatore. Ogni giorno un personaggio o un dettaglio preso dai vangeli che raccontano la nascita di Gesù ci aiuterà a fare spazio nel cuore perchè nasca in noi il Salvatore, Cristo Signore.Unknown-2

Lo shcema della preghiera:    

  1. Iniziamo con il segno di croce e l’invocazione allo Spirito Santo
  2. Accogliamo la meditazione del giorno
  3. Concludiamo come indicato alla fine del libretto

Invochiamo lo Spirito Santo:

Vieni, Santo Spirito,

manda a noi dal cielo

un raggio della tua luce.

 

Vieni, padre dei poveri,

vieni, datore dei doni,

vieni, luce dei cuori.

 

Consolatore perfetto,

ospite dolce dell’anima,

dolcissimo sollievo.

 

Nella fatica, riposo,

nella calura, riparo,

nel pianto, conforto.

 

O luce beatissima,

invadi nell’intimo

il cuore dei tuoi fedeli.

Senza la tua forza,

nulla è nell’uomo,

nulla senza colpa.

 

Lava ciò che è sordido,

bagna ciò che è arido,

sana ciò che sanguina.

 

Piega ciò che è rigido,

scalda ciò che è gelido,

drizza ciò ch’è sviato.

 

Dona ai tuoi fedeli

che solo in te confidano

i tuoi santi doni.

 

Dona virtù e premio,

dona morte santa,

dona gioia eterna. Amen

 

16 dicembre - I potenti della terra

 

Lc 2,1-3

In quei giorni un decreto di Cesare Augusto ordinò che si facesse il censimento di tutta la terra. Questo primo censimento fu fatto quando Quirinio era governatore della Siria. Tutti andavano a farsi censire, ciascuno nella propria città.

***

Anche oggi i potenti gestiscono grandi ricchezze, muovono masse di persone, spesso opprimono popoli, piegando gli interessi di tutti a quelli di qualcuno. Davanti a tutto ciò rischiamo di sentirci impotenti e di portare in cuore l’impressione che in fondo non c’è nulla di utile che possiamo fare. La storia però è nelle mani di Dio, e anche nel disagio del censimento voluto da un potente, si nasconde il cammino della salvezza, del regno di Dio che si realizza. Noi possiamo contribuire a cambiare la storia, non cercando di vincere i potenti, ma accogliendo l’onnipotente. Egli ha bisogno di noi per abitare il mondo!

17 dicembre - Maria

Lc 2,6-7

Mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per Maria i giorni del parto. Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c’era posto nell’alloggio.

Lc 2,19

Maria, da parte sua, custodiva tutte queste cose, meditandole nel suo cuore.

***

Maria potrebbe ribellarsi ai fatti. Ma quale regno? Ma quale salvatore? Questo figlio del quale Gabriele aveva annunciato grandi cose nasce in un rifugio di fortuna perché Maria e Giuseppe sono stati rifiutati. Maria potrebbe sentirsi arrabbiata, oppure inadeguata. Potrebbe ribellarsi a Dio, delusa da questi fatti. Al contrario, lei resta ferma in Dio, certa che l’apparenza inganna, e che egli non la deluderà. Chiediamo a Maria che ci insegni lo stesso atteggiamento di fiducia, che nasce da un cuore che sa fare silenzio, che sa meditare, che accetta di non trarre subito conclusioni ma di attendere e di lasciarsi gradualmente illuminare.

 

18 dicembre - Giuseppe

Mt 1,18-21

Così fu generato Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo. Giuseppe suo sposo, poiché era uomo giusto e non voleva accusarla pubblicamente, pensò di ripudiarla in segreto. Mentre però stava considerando queste cose, ecco, gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: «Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa. Infatti il bambino che è generato in lei viene dallo Spirito Santo; ella darà alla luce un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati».

***

Giuseppe è un uomo giusto. Egli non pretende di decidere da se. Non si sente assoluto. Non mette al centro i suoi sentimenti, la tristezza o la rabbia del momento. Si da piuttosto del tempo, per riflettere, per aprire il cuore a Dio. Proprio perché è giusto riconosce Dio come più grande, quindi attende di essere illuminato da lui. In sogno Dio gli indica una strada difficile, ma egli non ha dubbi: la sapienza di Dio diventerà la sua scelta di vita. Quando ci mettiamo al centro della nostra vita costruiamo il nostro inferno, perché tutto dipende da noi e pesa su di noi. La vita è un dono, viene da Dio. Mettiamo lui al centro, e vivremo di libertà, anche nella fatica.

 

19 dicembre - Betlemme

Lc 2,4-7

Anche Giuseppe, dalla Galilea, dalla città di Nàzaret, salì in Giudea alla città di Davide chiamata Betlemme: egli apparteneva infatti alla casa e alla famiglia di Davide. Doveva farsi censire insieme a Maria, sua sposa, che era incinta. Mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c’era posto nell’alloggio.

***

Non c’è posto per una giovane coppia che sta per avere un bambino. E questo non perché gli abitanti di Betlemme siano gente cattiva e sadica. L’egoismo e l’indifferenza non vengono da una scelta, ma da una non-scelta. Chi non sceglie l’attenzione alle persone, la solidarietà, chi si ripiega nei propri affari e nelle proprie cose, chi comincia a mettere se stesso al centro della vita, diventa egoista senza saperlo, indifferente senza rendersene conto. Così, senza saperlo, vive in modo triste e cattivo. Non ci capiti come agli abitanti di Betlemme. Non diventiamo egoisti e disumani. Risvegliamo il cuore, altrimenti Dio stesso non potrà abitare in noi.

 

20 dicembre - L’asino e il bue

Is 1,2-3

Udite, o cieli, ascolta, o terra, così parla il Signore:

«Ho allevato e fatto crescere figli, ma essi si sono ribellati contro di me.

Il bue conosce il suo proprietario e l’asino la greppia del suo padrone,

ma Israele non conosce, il mio popolo non comprende».

***

L’asino e il bue che mettiamo nel presepe non sono presenti nei racconti dell’infanzia di San Luca e San Matteo. Compaiono invece nel libro del profeta Isaia, e sono un simbolo che vuole scuotere la coscienza del popolo. Mentre infatti gli animali riconoscono il loro posto e la fonte del loro nutrimento, Israele è un popolo ribelle che volta le spalle al Dio che lo ha creato e che lo sostiene. L’asino e il bue sono il segno di un Israele e di un’umanità che volta le spalle a Dio. Contempliamoli nel nostro presepe, e chiediamo allo Spirito che ci doni di riconoscere ed accogliere Dio presente nella nostra vita.

 

21 dicembre - La Mangiatoia

Lc 2,6-7

Mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per Maria i giorni del parto. Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo pose in una mangiatoia, perché per loro non c’era posto nell’alloggio.

***

Gesù non ha una culla. Sua Madre Maria non può mettere il Bambino in un luogo adeguato. Letteralmente Luca dice che lo depose in un legno, un richiamo evidente al legno della croce. Quel bambino è venuto nel mondo per dare la sua vita. Quel legno però è stato identificato in una mangiatoia, visto che probabilmente quello dove stavano Maria e Giuseppe era un rifugio per animali, e questo ci fa pensare a qualcosa di grande. La vita di Gesù sarà dono in un modo particolare e straordinario: egli si farà, per coloro che lo accoglieranno, cibo di vita. Tutto questo a partire da un vecchio legno, da un po’ di paglia. Dio non teme  la poca paglia del nostro cuore, non teme cioè il fatto che siamo inadeguati ad accoglierlo. Egli nasce nella nostra povertà, nella miseria, e lì si fa dono di vita nuova.

 

22 dicembre - Gli Angeli

Lc 2,8-14

C’erano in quella regione alcuni pastori che, pernottando all’aperto, vegliavano tutta la notte facendo la guardia al loro gregge. Un angelo del Signore si presentò a loro e la gloria del Signore li avvolse di luce. Essi furono presi da grande timore, ma l’angelo disse loro: «Non temete: ecco, vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi, nella città di Davide, è nato per voi un Salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, adagiato in una mangiatoia». E subito apparve con l’angelo una moltitudine dell’esercito celeste, che lodava Dio e diceva: «Gloria a Dio nel più alto dei cieli e sulla terra pace agli uomini, che egli ama».

***

Gli angeli giocano un ruolo di importanza fondamentale nella vicenda della nascita di Gesù, ma il loro modo di fare potrebbe sembrare sorprendente. Si rivolgono a gente marginale (i pastori) e parlano di gioia grande e di salvezza in riferimento ad un evento normale, quello della nascita di un bambino, avvenuto in un contesto triste e inadeguato. A pensarci bene quello degli angeli è un annuncio pieno di speranza. Il Dio che annunciano non è selettivo e altezzoso. Non si manifesta in luoghi ricercati e unici, ma nella quotidianità più povera e improvvisata. Basta aprire gli occhi, lo si potrà riconoscere nel volto tenero di un neonato. Gli angeli sono quelle persone che ci aiutano a leggere la nostra quotidianità alla luce del vangelo. Angeli siamo noi, quando con i gesti e con le parole illuminiamo il grigiore di qualcuno con la carità, con una testimonianza semplice che faccia intuire a chi abbiamo accanto che Dio è vicino, alle porte, dentro la realtà, anche la più inadeguata.

 

23 dicembre - I pastori

Lc 2,15-17

Appena gli angeli si furono allontanati da loro, verso il cielo, i pastori dicevano l’un l’altro: «Andiamo dunque fino a Betlemme, vediamo questo avvenimento che il Signore ci ha fatto conoscere». Andarono, senza indugio, e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, adagiato nella mangiatoia. E dopo averlo visto, riferirono ciò che del bambino era stato detto loro.

***

Gente semplice i pastori, ma dal cuore saggio. Sanno riconoscere cosa vale di più e cosa di meno. Sono gente legata ad un lavoro molto pratico, eppure non esitano a mettere al primo posto l’annuncio degli angeli che potrebbe sembrare così poco concreto, quasi uno strano sogno. Contempliamo i pastori, e impariamo da loro a lasciare ogni giorno, per un po’ di tempo le nostre occupazioni per ritirarci. Come loro camminarono verso Betlemme, così noi impariamo la strada del cuore che ci conduce all’intimità con Dio. troveremo la fonte della nostra gioia e della nostra salvezza.

 

24 dicembre - I Magi

Mt 2,1-2

Nato Gesù a Betlemme di Giudea, al tempo del re Erode, ecco, alcuni Magi vennero da oriente a Gerusalemme e dicevano: «Dov’è colui che è nato, il re dei Giudei? Abbiamo visto spuntare la sua stella e siamo venuti ad adorarlo».

***

I Magi sono saggi, sapienti venuti dall’oriente, persone che per la loro cultura hanno anche una onorevole posizione sociale. Eppure non si sentono arrivati. Non si siedono sulle loro certezze, sul loro sapere. Non si aggrappano al potere che certo deriva dalla loro conoscenza. Sono uomini in ricerca. Il loro cuore è rimasto giovane, capace di entusiasmo, desideroso di orizzonti grandi, sempre in fermento e in crescita verso qualcosa di nuovo, verso una vita più vera, più buona, più grande. Lasciamo che questi personaggi ci scuotano. Diventiamo come loro giovani nel cuore, capaci di desiderare una vita più buona e più piena, un amore più autentico, un orizzonte migliore. Anche per noi allora splenderà una stella, una qualche intuizione del cuore che ci ricondurrà all’incontro con Dio, non però ripiegati dentro lo scontato, ma piuttosto capaci di sempre nuovo entusiasmo e vitalità.

 

Ogni giorno, Per concludere

  1. Regaliamoci qualche istante di silenzio per meditare nel cuore il messaggio del Vangelo, per farlo diventare intuizione di vita e motivo di preghiera. 
  2.  Preghiamo con le parole prese dall’antico introito della messa della IV domenica di avvento 

 

Stillate rugiada, o cieli, dall’alto,

E le nubi piovano il giusto.

Guarda, o Signore, l’afflizione del tuo popolo,

E manda Colui che stai per mandare:

Manda l’Agnello dominatore della terra,

Dalla pietra del deserto al monte della figlia di Sion:

Affinché Egli tolga il giogo della nostra schiavitù.

Stillate rugiada, o cieli, dall’alto,

E le nubi piovano il Giusto.

Consolati, consolati, o popolo mio:

Presto verrà la tua salvezza:

Perché ti consumi nella mestizia, mentre il dolore ti ha rinnovato?

Ti salverò, non temere,

Perché io sono il Signore Dio tuo,

il Santo d’Israele, il tuo Redentore

Stillate rugiada, o cieli, dall’alto,

E le nubi piovano il giusto.

 

  •  Invochiamo la vergine Maria, donna dell’Avvento, perché ci conduca ad accogliere il suo Figlio, Gesù, L’Emmanuele nostro Salvatore. 

 

O santa Madre del Redentore,

porta dei cieli, stella del mare,

soccorri il tuo popolo che anela a risorgere.

Tu che accogliendo il saluto dell’angelo,

nello stupore di tutto il creato,

hai generato il tuo Creatore,

madre sempre vergine,

pietà di noi peccatori.

 

Concludiamo invocando per noi la benedizione del Signore facendo il segno di croce e ripetendo queste parole:

Il Signore ci benedica,

ci preservi da ogni male

e ci conduca alla vita eterna.

Amen

 

Copia di Volantino Affidamento Immacolata 2019 pag 1

Ecco tua Madre

Volantino Affidamento Immacolata 2019 pag 1Il legame della comunità di Bosco Chiesanuova con l’Immacolata è consolidato e di lunga data. Ne è testimonianza il monumento al centro della piazza, ma anche la storia di suor Maria Giuseppa Scandola, che ha sperimentato in molte tappe della sua vita e della sua consacrazione la materna protezione di Maria.

La proposta di un percorso di affidamento alla Madre del Cielo invocata come Immacolata è allora un’occasione importante che affonda le sue radici nel passato, ma che vuole aiutarci a vivere il presente radicati nella fede e a guardare al futuro con la speranza che la Vergine ci indica, quella che viene dal suo Figlio risorto. Il percorso è proposto e guidato dall’istituto Missionarie dell’Immacolata “Padre Kolbe” e culminerà nel gesto dell’affidamento che sarà vissuto proprio nella solenne celebrazione che ogni anno la nostra comunità vive l’8 dicembre alle 18.30.

Chi desidera compiere il gesto dell’affidamento sarà accompagnato dalle Missionarie ad approfondire la conoscenza e la devozione alla Vergine in cinque incontri che si svolgeranno il mercoledì alle 20.45 in queste date e con questi temi: 2 ottobre, “la gioia di un incontro” – Maria nel cuore e nel progetto di Dio; 23 ottobre, “Maria Madre” – il dono della madre, fondamento dell’affidamento a Maria; 6 novembre, “Maria Sorella” – accogliere Maria per far nostri i suoi atteggiamenti e scelte e per imparare a sentirla sorella nel cammino della vita e della santità; 20 novembre, “Maria discepola missionaria” – l’affidamento come dinamismo di vita e di missione; 4 dicembre, “Pregare con il cuore di Maria” – Maria donna di contemplazione che ci insegna la fiducia, la preghiera, l’abbandono a Dio e al suo progetto.

Il percorso ci aiuterà a radicare a devozione a Maria nella scrittura e nel magistero della Chiesa, e diventa per chi lo vive un’autentica esperienza di fede, un’occasione per dire con la Madre il nostro Sì a Dio e per lasciarci accompagnare come lei, nell’umiltà, a sperimentare la Beatitudine dell’amore del Padre.

Chi lo desidera ulteriori informazioni su questa proposta in parrocchia.

 

Unknown-5

Le nostre celebrazioni nel ponte dell’Immacolata

Venerdì 7 dicembre- Messe prefestive della solennità dell’Immacolata concezione di Maria:

ore 16.00 alla casa di riposo “Villa San Giacomo”

ore 18.30 in parrocchia a Bosco Chiesanuova

ore 20.00 in parrocchia a Valdiporro

Sabato 8 dicembre– messe festive nella Solennità dell’Immacolata concezione di Maria:

ore 8.30 a Bosco

ore 9.45 a Valdiporro

ore 11.00 a Bosco

ore 18.30 a Bosco– questa messa sarà animata dal coro parrocchiale e partecipata da alcune suore missionarie combonianenella memoria dei 120 annidalla professione solenne di suor Maria Giuseppa Scandolanell’istituto fondato da Mons. Comboni ( vedi informazioni a questo link http://www.parrocchiabosco.it/in-memoria-di-un-si/). Al termine della celebrazione la processione al monumentoe l’affidamento a Maria Immacolata

 

Domenica 9 dicembre – messe festive nella II domenica di Avvento

ore 8.30 a Bosco

ore 9.45 a Valdiporro

ore 11.00 a Bosco

ore 18.30 a Bosco

Unknown-2

In memoria di un sì

Un filo rosso unisce la storia della comunità cristiana di Bosco Chiesanuova con quella di una sua figlia di riguardo: suor Maria Giuseppa Scandola. Questa straordinaria donna ha lasciato la sua terra natale nel 1872, affascinata dalla proposta di Daniele Comboni di partecipare al suo sogno missionario per l’Africa. L’affetto per la terra d’origine non mancò mai nell’esperienza di Suor Maria Giuseppa. Questo sentimenti sincero e limpido non perse mai la purezza della gratuità, e non divenne perciò mai ostacolo al dono totale della sua vita per la missione. Nella sua vicenda si scorge qualcosa di più grande che la lega alla sua terra, qualcosa che viene dalla fede profonda e che ha a che fare con l’Immacolata. Per capire questo legame, basta ripercorrere, sincronizzandole tra di loro, alcune date della storia della parrocchia e della vicenda di suor Maria Giuseppa.

 26 gennaio 1849 - Nasce in contrada Biancari di Bosco Chiesanuova Maria Teresa Scandola: tutti la chiameranno “Marietta”, diventerà suor Maria Giuseppa.

8 dicembre 1854 - Pio IX proclama solennemente il dogma dell’immacolata concezione di Maria

Unknown-1

Iscrizione alla base del monumento all’Immacolata nella piazza di Bosco Chiesanuova

31 gennaio 1855 - Mons. Stefano Crosatti, alla fine di un triduo di preghiera che festeggia la definizione dogmatica, mette la comunità sotto la protezione dell’Immacolata e propone la costruzione del momumento in piazza che sarà inaugurato il 15 agosto 1855.Marietta Scandola ha sei anni; di li a poco la protezione della madre celeste le sarà preziosa, anche per affrontare il dramma che segnerà la sua giovane vita: il 30 agosto 1855 resterà orfana del padre.

Nel 1864 Mons. Stefano Crosatti sarà chiamato a lasciare la comunità di Bosco Chiesanuova. Nel 1870 diventerà vicario generale della Diocesi di Verona.

8 dicembre 1874 - insieme ad alcune altre giovani, Maria Teresa Scandola inizia formalmente il periodo di formazione religiosa e missionaria. La celebrazione sarà presieduta da Mons Crosatti che aveva battezzato Maria Teresa e che certamente aveva contribuito a ravvivare e far crescere la sua devozione mariana. Ormai tutti chiamano Marietta con il nuovo nome che Comboni le ha dato: Giuseppa.

L’8 dicembre del 1898 - nella nuova chiesa dell’Immacolata in Assuan, Suor Maria Giuseppa Scandola pronuncia finalmente i suoi voti perpetui nelle mani di Mons. Antonio Maria suor_ScandolaRoveggio, suo direttore spirituale e secondo successore di Mons. Daniele comboni come Vicario Apostolico dell’Africa Centrale.

Sono passati 120 anni da quel lontano 8 dicembre, ma a Bosco Chiesanuova si rinnova ancora oggi la devozione alla Vergine Immacolata. La sera dell’8 dicembre, dopo la celebrazione delle 18.30 ci recheremo al monumento dell’immacolata per affidare la nostra comunità parrocchiale alla Vergine Maria. La Madre celeste ci renda come suor Maria Giuseppa coraggiosi e fedeli testimoni di Cristo, non tanto con le parole ma con autentici fatti di carità, germogli di una vita vissuta nella logica del dono.