Archivi categoria: Notizie

IMG_8629

Orari delle celebrazioni – Estate 2020

Estate 2020

Da ricordare:

  • SI può accedere alla chiesa solo indossando la mascherina, che andrà tenuta per tutto il tempo della celebrazione.
  • Il numero di posti nelle chiese è limitato, abbiamo cercato di dare la possibilità di seguire la messa anche da fuori. A Bosco saranno installati dei maxischermi, a Valdiporro ci sarà un diffusore audio. L’eucaristia sarà distribuita anche a chi sta fuori.
  • Chi è costretto a casa dalla condizione di salute può sempre seguire le celebrazioni della parrocchia in streaming sul canale di YouTube “Parrocchia Bosco Chiesanuova” - https://www.youtube.com/channel/UCaqJ0Bzx2Btv3ChP4mts3Ag/featured

Orario delle messe

Fino al 30 agosto 2020

Domenica

Bosco ore 8.30, 11.00, 18.30

Valdiporro ore 9.45

Lunedì 

a Bosco ore 8.30 e 18.30

Martedì 

a Bosco ore 8.30 e 18.30

Mercoledì 

a Bosco ore 8.30 e 18.30

a Valdiporro ore 9.00,

Giovedì 

a Bosco ore 8.30 e 16.00

Venerdì 

a Bosco ore 8.30 e 18.30

Sabato 

a Bosco ore 18.30

a Valdiporro ore 20.00

6118725c-53e1-4a50-9c6d-542257854492

Si riparte!

Dopo la lunga pausa dovuta all’epidemia, ripartiamo con la celebrazione comunitaria dell’Eucaristia.

Sappiamo bene che la situazione di attenzione non è conclusa, per questo chi decide di partecipare alle celebrazioni dovrà farlo rispettando alcune regole che riportiamo qui sotto.

ecb51d04-577f-4894-8d90-592d6b5a433ca partire dal 31/31 maggio ricominceremo a celebrare le messe festive secondo gli orari consueti:

A Bosco il sabato alle 18.30, la domenica alle 8.30, 11.00, 18.30.

A Valdiporro il sabato alle 20.00, la domenica alle 9.45.

Le messe feriali rimarranno invece con gli orari modificati: A Bosco lunedì, martedì e venerdì alle 18.30, giovedì alle 16. A Valdiporro mercoledì alle 9.

Per accedere alla chiesa è necessario non presentare sintomi riconducibili al CoVid-19 e non avere una temperatura corporea uguale o superiore a 37.5 gradi.

Entrando è necessario igienizzare le mani e seguire eventuali indicazioni date dai volontari.

Bisogna obbligatoriamente indossare la mascherina per tutto il tempo della celebrazione

i posti in chiesa sono in numero limitato (48 a Valdiporro e 125 a Bosco).

per la preghiera personale si può entrare in chiesa liberamente, ma solo fuori dagli orari della celebrazione e sempre indossando la mascherina e igienizzando le mani.

Vi preghiamo di fare attenzione a tutti gli avvisi che vengono dati durante la messa, e alle indicazioni fornite mediante cartelli.

Chiediamo tanta pazienza nel rispettare tutte le norme

Unknown

Nel segno della condivisione

La situazione che stiamo vivendo ci mette alla prova su molti fronti, e per qualcuno di noi anche dal punto di vista economico le cose non vanno bene. Molte persone in questo tempo hanno chiesto di poter condividere quello che hanno con chi si trova in difficoltà, e di farlo a nome della comunità cristiana. Per questo anche con la consulta ministeriale (la nuova forma del consiglio pastorale) delle nostre parrocchie abbiamo scelto di offrire una possibilità di carità quaresimale e pasquale. A partire dalla settimana santa e per i mesi a venire, fino alla fine dell’emergenza, chi lo desidera potrà portare la sua offerta a don Lucio, oppure lasciarla in chiesa nella cassetta che sarà predisposta. Per chi preferisce o ha la possibilità, lasciamo anche l’Iban della parrocchia di Bosco, chiedendo la cortesia di specificare nella causale “Carità in tempo di pandemia”. Sarà cura della parrocchia mettere a disposizione di tutti una contabilità delle offerte e degli interventi (ovviamente nel doveroso rispetto della privacy). don Lucio ha già intercettato qualche necessità e messo in atto qualche intervento di sostegno, ma con ogni probabilità i bisogni maggiori si faranno avanti nel prossimo futuro. Su questa proposta ci siamo confrontati anche con il Sindaco, trovandoci in accordo. Non si vuole ovviamente creare un’alternativa ai canali messo a disposizione dal comune, ma una possibilità in più per raggiungere il maggior numero di persone possibili, evitando sovrapposizioni di interventi o possibilità di trascurare qualcuno. Un grazie a tutti quelli che vorranno, attraverso questo o altri canali, dare un segno della propria condivisione.

Iban della parrocchia:

IT12M0801159280000023091340 Causale: Carità in tempo di pandemia

Iban della tesoreria comunale:

T04G0200859280000003465497 – Causale: solidarietà alimentare Covid-19

6e849ea5-aac0-41e5-b60f-3c971a617200

Celebrazioni per la settimana santa

Programma delle celebrazioni e delle proposte per la settimana santa

Qui sotto il programma della nostra settimana Santa. Cercheremo di vivere come possibile tutti i i giorni santi, nella preghiera personale e seguendo le liturgie e i momenti di meditazione tramite internet. Durante i giorni del triduo Pasquale non ci saranno le trasmissioni dalla nostra comunità, per dare risalto e valore alle celebrazioni del Vescovo e del Papa, seguendo le quali possiamo sentirci in comunione con i credenti della nostra diocesi e del mondo intero. Il giorno di Pasqua invece celebreremo in streaming dalla chiesa di Bosco alle 18.30, quindi chi desidera potrà seguire questa celebrazione.

in particolare, le celebrazioni delle nostre comunità saranno trasmesse sul consueto canale: https://www.youtube.com/channel/UCaqJ0Bzx2Btv3ChP4mts3Ag?view_as=subscriber

alcune proposte sulla preghiera, sull’incontro con la Parola di Dio, sulla Passione secondo Matteo saranno a disposizione sul canale di don Lucio: https://www.youtube.com/channel/UCf-n723SqPHEuyiW9c1jfxg

le celebrazioni del Papa saranno trasmesse da Tv2000 e probabilmente da molte altre emittenti. Sarà possibile seguirle anche da YouTube sul canale di Vatican media live https://www.youtube.com/user/vaticanit

le celebrazioni del Vescovo di Verona tramite Telepace, con il televisore o tramite internet https://www.youtube.com/channel/UCP49yPZvTPz9PzCozvNzbUA

per quel che riguarda il sacramento della riconciliazione, sono riportati qui sotto alcuni orari nei quali don Lucio sarà a disposizione per la confessione. In questo periodo particolare e difficile, molti potrebbero essere impediti a celebrare il sacramento, o da motivi pratici, o da motivi personali, o da motivi di coscienza…  la conferenza episcopale ha indicato per questo periodo la possibilità di chiedere perdono al Signore nel segreto del cuore, promettendo fermamente di celebrare il sacramento appena sarà possibile.

Di seguito gli orari delle celebrazioni

 

Domenica delle Palme

¨     Ore 11.00 Papa Francesco presiede la celebrazione delle palme nella basilica vaticana

¨     Ore 18.30 il Vescovo presiede la celebrazione delle palme in cattedrale

Lunedì Santo

¨     In Chiesa dalle 10.30 alle 12 e dalle 15 alle 18 don Lucio sarà a disposizione per le confessioni. Il sacramento per chi lo richiede sarà celebrato in sagrestia, rispettando le norme di sicurezza (mascherina e distanza interpersonale).

¨     Ore 18.30 messa feriale in streaming

Martedì Santo

¨     In Chiesa dalle 15 alle 18 don Lucio sarà a disposizione per le confessioni. Il sacramento per chi lo richiede sarà celebrato in sagrestia, rispettando le norme di sicurezza (mascherina e distanza interpersonale).

¨     Ore 18.30 messa feriale in streaming

Mercoledì Santo

¨     In Chiesa dalle 15 alle 18.00 e dalle 20.30 alle 23 don Lucio sarà a disposizione per le confessioni. Il sacramento per chi lo richiede sarà celebrato in sagrestia, rispettando le norme di sicurezza (mascherina e distanza interpersonale).

Giovedì Santo

¨     Ore 18.00 Papa Francesco presiede la messa nella cena del Signore nella basilica vaticana

¨     Ore 19.30 il Vescovo presiede la messa nella cena del Signore in cattedrale

 

Venerdì Santo

¨     Ore 15.00 il Vescovo presiede la commemorazione della passione del Signore in cattedrale

¨     Ore 18.00 Papa Francesco presiede la commemorazione della passione del Signore nella basilica vaticana

¨     Papa 21 Papa Francesco presiede la Via Crucis in piazza San Pietro

 

Sabato Santo

Veglia Pasquale

¨     Ore 19.30 il Vescovo presiede la Veglia Pasquale in cattedrale

¨     21.00 Papa Francesco presiede la Veglia Pasquale nella basilica vaticana

 

Domenica di Pasqua

¨     11.00 Papa Francesco presiede messa del giorno di Pasqua nella basilica vaticana

¨     12.00 Papa Francesco imparte la benedizione “Urbi et orbi” dalla loggia della basilica vaticana

¨     Ore 18.30 il Vescovo presiede la messa del giorno di Pasqua in cattedrale

¨     Ore 18.30 Messa in streaming dalla chiesa di Bosco Chiesanuova (canale YouTube Parrocchia Bosco Chiesanuova)

0b1364c5-6765-4b18-8692-7154752a2f42

Orari delle celebrazioni in tempo di pandemia

In questo tempo di distanziamento sociale a causa della pandemia da covid-19 non possiamo vivere nessuno dei consueti appuntamenti comunitari. Per questo motivo cercheremo di tenerci in contatto con gli strumenti che la tecnologia ci mette a disposizione. In particolare:

- Ogni giorno trasmetteremo la messa in streaming, (normalmente alle 18.30) sul canale di YouTube della parrocchia: https://www.youtube.com/channel/UCaqJ0Bzx2Btv3ChP4mts3Ag?view_as=subscriber

- di tanto in tanto don Lucio condividerà alcune riflessioni e spunti anche sul suo canale personale:https://www.youtube.com/results?sp=mAEB&search_query=don+lucio+benedetti e sul blog http://chiedicercabussa.blogspot.com/

- sarà possibile tenersi aggiornati su novità, attività ed eventuali variazioni di orario attraverso i canali di comunicazione che sono stati predisposti:il gruppo di Whatsapp al quale è possibile essere collegati informando della propria intenzione don Lucio (attraverso il telefono o gli indirizzi mail), oppure il canale di telegram, al quale è possibile iscriversi autonomamente (cercare “parrocchieBoscoValdiporro” o connettersi tramite questo link https://t.me/parrocchieBoscoValdiporro )

Attraverso questi strumenti cerchiamo di restare uniti, ricordando che la nostra vera e più profonda unità viene dall’essere radicati nel Signore Gesù.

IMG_3849-03-06-17-10-56

Indicazioni emergenza coronavirus

Comunità cristiane di Bosco Chiesanuova e Valdiporro

 

Cari parrocchiani

Riporto qui alcune indicazioni in riferimento all’ordinanza del governatore della regione che fornisce indicazioni preventive rispetto alla diffusione del virus covid-19 e in esecuzione delle indicazioni che il vicario generale della Diocesi ha concordato con il prefetto di Verona.

  1. Tutte le celebrazioni, messe e momenti di preghiera comunitari, sono sospesi fino a domenica 1 marzo compresaOgni giorno celebrerò la messa da solo, con la preghiera per la comunione spirituale. Chi può e desidera potrà seguire la celebrazione in streaming sul canale di youtube secondo questi orari:

¨    Martedì ore 18.30

¨    Mercoledì ore 20.30 (celebrazione delle ceneri.)

¨    Giovedì ore 18.30. Al termine della messa adorazione eucaristica fino alle 22.00. alle 21.45 compieta e benedizione.

¨    Venerdì ore 18.30

¨    Sabato ore 18.30

¨    Domenica ore 11.00 e 18.30

Il link per collegarsi: https://www.youtube.com/channel/UCaqJ0Bzx2Btv3ChP4mts3Ag oppure digitare “parrocchia bosco chiesa nuova” nella stringa di ricerca di Youtube e selezionare il video con la scritta rossa – in diretta – dal vivo

  1. La diocesi ci invita a suonare le campane alle 18 e a mettere in quell’orario un lume sulla finestra segno della preghiera comune. Il vescovo pregherà il rosario alle 18.30 e celebrerà la messa alle 19 in diretta su telepace. 
  1. La chiesa resta aperta secondo gli orari consueti, perché ciascuno possa pregare. Sarà a disposizione in chiesa un foglietto con una proposta di preghiera.
  1. Seguiamo serenamente le indicazioni che ci vengono date dall’autorità competente, evitiamo eccessi di paura o di contestazione, restiamo uniti nella preghiera e affidiamoci al Signore.

Don Lucio Benedetti

wunder_lomu

GREST 2019

wunder_aslaTra i meravigliosi fiordi della penisola scandinava si erge imponente il Villaggio di Wunder, la più bella tra le città del Nord! Ma qualcosa di spaventoso e inaspettato si abbatte sul Villaggio. Ha inizio qui lìavventura del nostro Grest. Se vuoi saperne di più, partecipa con noi alle giornate di gioco, allegria, divertimento, alla scoperta di cose nuove e di nuove relazioni. Nel volantino allegato trovi tutte le indicazioni necessarie per iscriverti! A presto :-)

 

 

Unknown

La preghiera del Rosario

Bassoriliveo chiesa Parrocchiale

Maria consegna il Rosario a San Domenico, Chiesa di Bosco Chiesanuova, Altare della Madonna del Rosario

Le notizie storiche sulla nascita e sull’evoluzione della preghiera del Rosario sono innumerevoli ed emergono nelle vicende della Chiesa a volte in maniera precisa e luminosa, altre volte come cenno legato alla devozione di qualche santo. Non è semplice ricostruirne un percorso coerente e certo. Proviamo comunque a raggranellare qualche notizia per avere un’idea di quanto sia antica e radicata nella spiritualità cristiana questa devozione.

Già nel 1100 i filosofi di Chartres parlano di una devozione mariana simile al Rosario, ma ancora essa non ha questo nome.

In modo più specifico però, la nascita del rosario deve essere messa in relazione ad un’esperienza mistica di San Domenico di Guzmán. Racconta Alano della Rupe, Domenicano bretone, che il suo santo padre fondatore ebbe nel 1212 una visione. Mentre pregava, chiedendo la forza e la sapienza necessarie per combattere l’eresia albigese, Domenico ebbe una visione. La Madre di Dio gli apparve e in risposta alla sua richiesta gli consegnò il Rosario. Da allora questo fatto è stato spesso raffigurato nei capitelli e negli altari dedicati alla Vergine, per suggerire al popolo di Dio questa preghiera. Anche nella nostra chiesa parrocchiale, l’altare dedicato alla Madonna del Rosario ricorda questo fatto con un bassorilievo.

Da questo momento in poi le testimonianze si moltiplicano. La vita di San Domenico stesso è caratterizzata da fatti legati alla preghiera del rosario, ma la devozione si diffonde presto anche tra i fedeli.

Pochi anni dopo l’esperienza mistica del santo, nelle “Cantigas de Santa Maria”, il re di Castiglia e Leon, Alfonso X detto il saggio, loderà la Vergine Santa chiamandola «Rosa delle rose, fiore dei fiori, donna fra le donne, unica signora, luce dei santi, dei cieli via (…)».

Un balzo nel tempo e troviamo san Filippo Neri, che nel suo oratorio a Roma insegnava ai suoi giovani a circondare di fiori l’immagine della Madre e a cantare le sue lodi,

Un altro balzo in avanti e siamo nel 1677, quando il noviziato di Fiesole, fondò una sorta di confraternita denominata “Comunella”. Riferisce la cronaca dell’archivio di San Domenico che «essendo giunte le feste di maggio e sentendo noi il giorno avanti molti secolari che incominiciava a cantar maggio e fare festa alle creature da loro amate, stabilimmo di volerlo cantare anche noi alla Santissima Vergine Maria….».

Il legame tra il mese di Maggio e la devozione mariana viene però da un Gesuita, Padre Annibale Dionisi, nato a Verona nel 1679 e morto nel 1754. Uomo di povertà, di pietà e di pazienza, egli pubblicò a Parma uno scritto dal titolo: “Il mese di Maria o sia il mese di maggio consacrato a Maria con l’esercizio di vari fiori di virtù proposti a’ veri devoti di lei”. Nel testo vi è anche una novità. Egli infatti invitava a praticare la devozione mariana nei luoghi quotidiani, nell’ordinario, non necessariamente in chiesa “per santificare quel luogo e regolare le nostre azioni come fatte sotto gli occhi purissimi della Santissima Vergine”.

Poco meno di cento anni dopo, a raccontare con tratti di profonda spiritualità, e a raccomandare con grande calore la devozione alla Vergine Maria, sarà San Luigi Maria Grignion de Montfort. Il suo “Trattato della vera devozione alla Santa Vergine” è un vero e proprio trattato su Maria, sul suo posto nella storia della salvezza, sull’importanza e la forma autentica della preghiera a lei, in particolare con lo strumento del rosario.

Molti santi poi sono stati promotori di questa devozione, come non ricordare ad esempio San Giovanni Bosco con la sua raccomandazione di pregare il rosario, e con l’esortazione ai ragazzi a pregare almeno tre Ave Maria ogni sera prima di dormire.

Nella storia recente sono i Papi ad aver dato costante impulso alla devozione del rosario e al mese di Maggio con il magistero e con il loro esempio concreto.

Il Santo papa Paolo VI, conosciuto per la più famosa esortazione apostolica “Marialis cultus”, vero gioiello della devozione a Maria, è autore di altri due scritti preziosi. L’enciclica “Mense maio” dove invita a pregare la Madonna per il felice esito del Concilio e per la pace nel mondo, e dove indica maggio come «il mese in cui, nei templi e fra le pareti domestiche, più fervido e più affettuoso dal cuore dei cristiani sale a Maria l’omaggio della loro preghiera e della loro venerazione.

L’enciclica “Christi Matri”, nella quale rinnova l’invito accorato a pregare Maria perché ottenga al mondo il dono della pace.

San Giovanni Paolo II caratterizzerà l’intero suo ministero episcopale e petrino con la devozione a Maria, sintetizzata nel suo motto, preso dal trattato Montfort “Totus tuus”, tutto tuo! Egli torna moltissime volte sul tema della devozione Mariana, nelle catechesi e negli scritti. Ne ricordiamo due in particolare: l’enciclica “Redemptoris Mater” sulla Beata Vergine Maria nella vita della Chiesa in cammino, e la lettera apostolica “Rosarium virginis Mariae” sul santo rosario, nella quale tra l’altro egli aggiunge ai misteri tradizionali un nuovo ciclo di meditazioni sulla vita pubblica di Gesù.

Anche Papa Benedetto XVI e Papa Francesco hanno più volte raccomandato con le parole e con l’esempio la devozione a Maria e la preghiera del Rosario.

11819_169_certosa

Una giornata all’insegna dell’amicizia!

Abbiamo pensato di proporre una giornata all’insegna dell’amicizia e della bellezza da scoprire… ed ecco la nostra gita parrocchiale!

Parrocchia di Bosco Chiesanuova

GITA ACERTOSA PAVIA EGRAZZANO VISCONTI11819_169_certosa

DOMENICA 31/03/2019

ORE  6:45 – Ritrovo presso Piazza Alpini.

ORE  7:00 – Partenza con bus GT con sosta lungo il percorso.

ORE 10:00 – arrivo  alla CERTOSA di PAVIA, capolavoro del Rinascimento Lombardo. I Monaci accompagnano i visitatori alla scoperta di questo magnifico complesso monumentale: Basilica, Museo e Parco.

ORE 11:00 -  Messa in Certosa

ORE 13:00 -  Pranzo al sacco.

PRIMO POMERIGGIO – Trasferimento a GRAZZANO VISCONTI: all’apparenza un borgo trecentesco, in realtà un incredibile progetto in stile neo-medioevale voluto dal Duca Giuseppe Visconti di Modrone agli inizi del ‘900. Insieme all’imponente castello e al suo parco con uno straordinario giardino all’italiana, un luogo pieno di fascino e di atmosfera.

TARDO POMERIGGIO: partenza per il viaggio di rientro verso BOSCO CHIESANUOVA

 

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE:859_grazzano_visconti_s7g8_z

ADULTI – EURO 25,00

BAMBINI fino ai 12 anni – EURO 10,00

La quota comprende: viaggio in bus GT, visita alla Certosa di Pavia, visita libera al borgo di Grazzano Visconti.

 

Per informazioni: Sandra 328/7419642  - Chiara 347/7779846 – Don Lucio 348/2448631

Iscrizioni  entro sabato 23/03/2019

Unknown-4

Cuore e creatività pre dei presepi davvero speciali!

In questo periodo storico il presepe è diventato terreno di contesa per molti, ma alla scuola Primaria di Bosco Chiesanuova le cose non stanno così; al contrario la rappresentazione della Natività è diventata per i bambini stimolo per la fantasia, esperienza di collaborazione, occasione di formazione al tema dell’ecologia, motivo di inclusione e, perchè no, di soddisfazione e divertimento.

Chiediamo a una insegnate di raccontarci i dettagli di questa avventura.

-Maestra Flora, com’è iniziata questa bella esperienza?

Questo è il terzo anno che la nostra scuola partecipa a questo concorso: nel 2016 con una classe e dal 2017 con tutte le classi. L’idea è legata ai temi dell’ecologia, del rispetto dell’ambiente, del riciclo, insieme alla conoscenza tecnologica dei materiali, delle possibilità di trovare gli “scarti” come risorsa. La proposta ci è sembrata subito importante per questo percorso di sensibilizzazione sia per gli alunni che per le famiglie, che hanno collaborato in vari modi (procurando materiali, costruendo, elaborando…): il futuro del nostro pianeta, del Creato, è nelle mani di tutti noi. Il 2030, il 2050 sono date che sentiamo risuonare tante volte, varrebbe la pena pensare a quanti anni avranno questi nostri bambini in quel tempo.

-I bambini e i ragazzi come hanno accolto questa proposta?

I bambini si sono entusiasmati sia per l’idea in sé, che per il tempo laboratoriale investito (decisamente più divertente che stare sui quaderni) anche se spesso faticoso, intenso e lungo. L’obiettivo del vincere è passato in secondo piano: molto più importante collaborare, condividere, aiutarsi, mettere ognuno il proprio talento, le capacità.

Ogni classe ha fatto un progetto autonomo, aiutati dagli insegnanti, sia per l’uso dei materiali che per le modalità di lavoro. Dai piccoli di classe prima che hanno rappresentato il Bimbo Gesù in mezzo alle molte “case” con gli occhi, alla classe quinta che ha usato ritagli di copertine colorate per un coloratissimo mosaico; non manca la ruota (di bicicletta) per appendere le stelle, la capanna con muschio e legno con tanti personaggi (bottigliette di yogurt) vestiti e lo scatolone girevole che partendo dal deserto dell’oriente (segatura) annuncia che “E’ nato” nel mondo.

-Mettere insieme le idee e le abilità è una bella fatica, qual è stato l’ostacolo più grande, e quale la sorpresa più bella di questo lavoro?

Bhe! Ostacoli? La ruota che non stava in piedi, lo scatolone che non si chiudeva, Le cataste di immondizie nelle aule, il rumore e la confusione… ma certamente alla fine la sorpresa di vedere una “Meraviglia!” ha dato a tutti una grande soddisfazione. Aggiungiamo anche la contentezza per la partecipazione di tutti gli alunni, tutti nessuno escluso: e questo per noi è la conferma che si può lavorare, imparare, camminare tutti insieme nella nuova società che viviamo. Anche questo è augurio di Natale!

Un augurio che viene dai bambini e che vogliamo estendere a tutte le persone che visiteranno i presepi in questi giorni! Ricordiamo che sarà possibile ammirare il lavoro dei nostri bambini in chiesa parrocchiale, dal 28 dicembre al 6 gennaio negli orari di apertura della chiesa (indicativamente 8-19.30)